In questa pagina raccogliamo le domande più frequenti che gli Imprenditori, quotidianamente, rivolgono allo Studio e le risposte puntuali del dott. Fulciniti.

 

1 – La prima consulenza a distanza richiesta dall’Imprenditore fa sorgere l’obbligo di proseguire nel rapporto con lo Studio?

R. Il tipo di prestazione professionale (parere scritto e motivato), completamente gratuito, non comporta alcun obbligo in capo al richiedente:

 

2- La consulenza – previo appuntamento – nello Studio in Via Tripoli 20 a Roma, oltre al pagamento dell’onorario preventivamente comunicato all’Imprenditore, impegna costui a sottoscrivere un contratto di collaborazione esterna con lo Studio stesso?

R. Assolutamente NO. L’onorario da corrispondere alla fine della prestazione professionale, maggiorato del contributo c. p. a., pari al 4%,  e dell’i. v. a, in misura del 22%, non pone a carico dell’Imprenditore altri obblighi; anzi, qualora venisse conferito incarico professionale allo Studio, l’onorario già pagato verrebbe detratto dall’onorario previsto dal relativo contratto.

 

3 – Con la sottoscrizione del contratto quali sono le reciproche obbligazioni?

R. L’incarico professionale – da formalizzare con contratto – può essere di due tipi: di consulenza e assistenza o soltanto di consulenza. Il contratto, a sua volta, può trovare disciplina negli artt. 2229 e seg. del codice civile, nel caso di prestazione di un’opera o servizio: esempio: la realizzazione di un progetto aziendale per il quale è richiesta la presenza del project manager che ne assume la responsabilità. L’obbligazione in capo allo Studio è di compiere l’opera o il servizio; quella in capo all’Imprenditore è di pagare il compenso convenuto. Il rapporto può trovare inoltre disciplina anche negli artt. 1703 e ss del c. c. nel caso di conferimento di mandato con rappresentanza, in forza del quale lo Studio compie atti giuridici in nome e per conto dell’imprenditore dietro compenso pattuito dalla parti contrattuali.

 

4 – Il rapporto/contratto fra lo Studio e l’Imprenditore può essere sciolto unilateralmente?

R. La legge prevede (art. 2237 c. c.) – nel caso in cui il contratto abbia come oggetto la prestazione di un’opera o di un servizio – che l’Imprenditore/cliente possa recedere dal contratto in ogni momento e senza motivazione,  pagando alla controparte (lo Studio, nel caso di specie) il compenso per l’opera svolta fino al giorno del recesso e rimborsandogli le eventuali spese; lo Studio invece può recedere solo per giusta causa conservando il diritto al compenso per l’opera o il servizio svolto fino al giorno del recesso e al rimborso delle eventuali spese. Nel caso di mandato con rappresentanza, conferito per un tempo determinato, la revoca obbliga i mandate/Imprenditore, ai sensi dell’art. 1275 c. c., a risarcire i danni subiti dallo Studio da quantificare il sede di conclusione del contratto stesso; la rinunzia al mandato, senza giusta causa, obbliga lo Studio a risarcire i danni subiti dall’Imprenditore (art. 1727 c. c.).

 

5 – La documentazione necessaria per lo svolgimento del mandato con rappresentanza può essere acquisita direttamente dallo Studio presso gli uffici della pubblica amministrazione?

R. Generalmente tutti i documenti - di cui all’elenco che sarà consegnato all’Imprenditore contestualmente o subito dopo la firma del contratto di mandato - sono rimessi allo Studio/mandatario, a cura dell’Imprenditore/mandante, nei tempi e con le modalità previsti dal contratto stesso. Tuttavia, lo Studio, su richiesta dell’altra parte contrattuale, può acquisire i seguenti atti: a) atto costitutivo e statuto della società; visura camerale, catastale e ipotecaria; b) bilanci sociali. Può, altresì, redigere: a) il Piano aziendale; b) relazione presentazione dell’azienda. Per lo svolgimento di dette attività è richiesta la costituzione di un apposito Fondo cui attingere per le relative spese e competenze.

 

6 – Quali requisiti deve possedere l’imprenditore per accedere al credito riservato alle PMI?

R. Il presupposto per accedere ai finanziamenti riservate alle PMI è costituito dalle caratteristiche dell’Impresa qualificata, ovviamente, come micro, piccola o media, secondo i parametri stabiliti dalla normativa dell’U. E..

 

7 – Come procede lo Studio al fine di consentire l’accesso al credito riservato alle imprese?

R. Lo Studio – formalizzato il contratto di mandato con rappresentanza - qualora l'Imprenditore/mandate non disponesse del necessario «Piano aziendale», si fa carico di redigerlo dietro pagamento dell'onorario pattuito, e poi si obbliga di ricercare, con la massima sollecitudine e diligenza, nel rispetto delle disposizioni in materia di trasparenza, il canale finanziario idoneo a concedere il finanziamento necessario all’Imprenditore a realizzare il progetto previamente esaminato o elaborato dagli esperti dello Studio medesimo. Si obbliga altresì di confrontare le condizioni economiche offerte (fattibilità del finanziamento) e i costi (spread) e, nell’interesse esclusivo dell’Imprenditore, di scegliere quelli più vantaggiosi, sottoponendogli il relativo Piano di ammortamento. 

 

8 – Qualora la banca mutuante dovesse richiedere garanzie per la concessione del finanziamento, lo Studio è in grado di reperirle secondo la normativa vigente?

R. Per la realizzazione di qualsiasi progetto aziendale, valutata la necessità di offrire alla banca mtuante la garanzia personale, lo Studio segnala all’Imprenditore quale Confidi - previa ricerca e comparazione dei costi - possa offrire garanzia sino all’80% del finanziamento, magari con l’accesso all’apposito «Fondo di garanzia» costituito presso il ministero delle Sviluppo Economico.

 

9 – In caso di mancata concessione del finanziamento, l’onorario convenuto con lo Studio in che misura deve essere corrisposto?

R. L’istruzione dalla pratica di finanziamento – preceduta dalla valutazione del progetto da finanziare in funzione della sua realizzazione – ha dei costi irrisori: a) onorario da € 100,00 a € 200,00 per esame e valutazione della capacità dell’Imprenditore di accedere al credito, con parere di prefattibilità della richiesta di finanziamento sulla base della «Scheda notizie», debitamente compilata e sottoscritta dal legale rappresentante o responsabile dell’Azienda, da corrispondere contestualmente alla comunicazione del parere di prefattibilità; b) onorario da € 100,00 a € 200,00 (più oneri di cui al punto 2 della risposta) per scelta del Consorzio o Cooperativa Fidi (Confidi), che deve garantire il puntuale pagamento delle rate accordate all’Impresa, e della banca mutuante, previo svolgimento dell’attività comparativa di cui al punto 7 della risposta, comprensivo delle spese di informatizzazione della pratica di finanziamento, telefonate e postali, da corrispondere contestualmente alla trasmissione della pratica ai soggetti di cui sopra. Nessun' altro onorario sarà corrisposto allo Studio in caso di respingimento della domanda di garanzia o di finanziamento.

"www.consulenteaziendaledottorepietrofulciniti.it" - Powered by Professional Site
This is a version of the Rolex Day-Date (because it displays the day and date), also known as the Rolex President. The reason this replica watches uk is known as the President, is because a few American Presidents were known to wear the replica watches uk, and thus it garnered the name. You can imagine that Rolex was thrilled about this distinction. Aside from being a "standard" Day-Date, this replica watches has a case and bracelet that is constructed from platinum. Then you have the applied diamond bezel as well as hour markers. That makers for quite the blingy, yet serious Rolex replica watches uk. This is pretty much what you get when you take Rolex and Luxury in a small room and tell them they have a few hours to kill. Most of you probably get some sense of tingle looking at this replica watches uk, I know that I do. While this would not be a daily wear for me, it is just the type of thing any-well-to do man or woman wants in their safe for those special occasions, meriting a wear of the "president," the "platinum president."